logomcp.gif (1712 byte)    


Rosset.it

 


L'info del 23/10/2002:  
            Sommario
 Con Telecom si potrà dire No agli 899
Gigantesco attacco al sistema nervoso di Internet
 La bufala: Dipendenti RAI vengono a casa a chiedere soldi
Spyware: basta un firewall?


Con Telecom si potrà dire No agli 899

Da novembre sarà possibile richiedere a Telecom Italia la
disabilitazione gratuita dei servizi telefonici a pagamento 899,
noti per lo spamming di massa e per i dialer.
[Pubblicato su www.zeusnews.it il 22-10-2002]
 >> di Pier Luigi Tolardo
http://www.zeusnews.it/news.php3?cod=1630
 

Gigantesco attacco al sistema nervoso di Internet
 
URL: http://www.corriere.it/Primo_Piano/Scienze_e_Tecnologie/2002/10_Ottobre/23/cyberattacco.shtml
Date/Time: 23/10/2002 L'ATTACCO - Questa notte 13 server «root», essenziali per il funzionamento della Rete globale (sono sparsi in vari punti del mondo, e appartengono ad agenzie e istituzioni pubbliche) hanno subito pesanti attacchi, «i più pesanti della storia» secondo il portavoce dell'agenzia Steven Berr. Nove di essi hanno subito momentanei malfunzionamenti, gli altri hanno resistito.
Questi server sono delle sorte di centralini, che smistano le chiamate tra utenti di Internet e server. L'attacco può quindi dirsi sventato, come titola News.com, importante testata specializzata in notizie informatiche, ma il rischio di attacchi rimane alto.
DIFESA EFFICACE - La modalità dell'attacco è stata tra le più classiche, il tentativo di attivare il «denial of service», vale a dire bombardare di richieste di servizio i server per superarne la capacità e impedirne completamente il funzionamento . Secondo l'autorità l'attacco è riuscito fino all'entrata in funzione dei sistemi di difesa. Un intervento che ha evitato che l'attacco avesse ripercussioni notevoli sull'intera rete Internet. Secondo l'organizzazione Matrix NetSystems, il picco dell'attacco ha ridotto la funzionalità dell'intero sistema di «centralini» al 94% contro il 100% abituale, senza alcun effetto visibile per i normali utilizzatori della Rete. 23 ottobre 2002 
http://www.corriere.it/Primo_Piano/Scienze_e_Tecnologie/2002/10_Ottobre/23/cyberattacco.shtml
 


La bufala: Dipendenti RAI vengono a casa a chiedere soldi
 
In questi giorni circola un avviso via e-mail di questo tipo:
<<Sembra che ci siano in circolazione dei
dipendenti della Rai (VERI!!) che passano per le case e ti chiedono il
pagamento di un bollettino postale di 27,00 Euro e di firmare un modulo.
Loro dicono si tratti di differenze sul canone di abbonamento annuale e di
affrettarsi a pagarlo per evitare sanzioni. In realtà con questo bollettino
si sottoscrive un periodo di prova di due mesi a RAISAT, dopodiché il V.s.
canone annuale verrà aumentato automaticamente dell'abbonamento al canale
satellitare PERTANTO, se doveste incappare in qualcuno di questi
personaggi, NON FIRMATE E NON RITIRATE NIENTE!!!!!!>>
 
Si tratta con tutta probabilità dell'ennesima truffa di chi gira casa per casa cercando di fregare qualcuno.
Il problema è che l'avviso è diffamatorio nei confronti dei dipendenti RAI e il metterlo in circolazione espone chi lo fa a possibili guai legali. Infatti non dice che è gente che si spaccia per dipendente RAI ma che sono veramente dipendenti RAI.
Non inoltratelo e diffidate sempre da chi chiede soldi porta a porta.
 
 


Spyware: basta un firewall?
 
Un amico mi scrive in merito a problemi di rimozione spyware. Ricordo che gli spyware sono piccoli programmi il cui scopo e' quello di trasmettere informazioni che ci riguardano a società di marketing.
 
> Ti scrivo perché ho bisogno di un consiglio. Alcune volte, chiudendo o
> usando internet, mi rimane sul video o compare un messaggio pubblicitario;
> credo trattasi di spyware.
In alcuni casi può essere, però, spesso, è solo pubblicità pop-up.
 
> 1) Il programma della Norton che mi pare si chiami Firewall, che non ho
> installato, se installato, potrebbe servire allo scopo e sostituire Ad-Aware

No. Il firewall può impedire che alcuni programmi spyware comunichino con l'esterno, ma non impedisce la normale attività dei browser, e, siccome molti spyware sfruttano proprio questa attività, il Firewall è impotente, in quanto tu stesso hai dichiarato al Firewall di consentire al browser di comunicare con l'esterno. Ed è giusto che sia così.
 
> 2) Ad-Aware serve veramente allo scopo che mi prefiggo ?
L'Ad-Aware rimuove gli spyware, quando li trova.
 
> 2) Secondo te Ad-Aware é compatibile con windows 98 e tutta la sarabanda del
> mio PC che per ora, a parte Office, il collegamento con Libero e qualche
> gioco non ha nulla di particolare?
Si, ti confermo.
 
> 3) In caso la mia idea del precedente punto 1) non funzioni per niente,
> esiste qualcosa di meglio di Ad-Aware che tu sappia ?
Esiste Opt-Out, ma oggi è a pagamento. In ogni caso cos'hai contro Ad-Aware? ti è antipatico? :-)
Io lo uso spesso e funziona egregiamente. In più è gratis.
 
> 4) Il mio modo di operare é corretto, riferito a quando scarico qualcosa da
> internet, copiandolo prima, quando é possibile, su un floppy e poi
> scannerizzarlo ?

In linea di massima si. Anche se esageri nel voler usare un dischetto. Puoi anche scannerizzare il singolo file depositato su hard disk. Basta che non lo esegui prima della scansione. La gran parte di antivirus ti permettono di comandare la scansione del singolo file già dalle <<Risorse del computer>> e cliccando col tasto dx del mouse e scegliendo la voce <<scansiona con "Antivirus">>
Ma ti dirò di più. Se tu attivi la Scansione della posta in entrata,  nel tuo antivirus, puoi risparmiarti tutta questa attività, in quanto non entra nulla che non sia stato prima scansionato dall'antivirus. Cosa che ti raccomando caldamente.
 
Il programma di rimozione degli spyware, AD-AWARE, è scaricabile qui.
Un grazie all'amico che mi ha proposto questo argomento.
 
 


 

 
Per leggere i documenti in formato PDF occorre Acrobat Reader. Scaricalo qui

   Per richiesta informazioni su questo sito utilizzare il modulo contatti
                  Hit Counter